Marie Bracquemond o del bisogno di libertà

Marie Bracquemond
francese 1840- 1916

era una Impressionista , che fu descritta retrospettivamente da Henri Focillon nel 1928 come uno dei “les trois grandes dames” dell’Impressionismo Berthe Morisot e Mary Cassatt. Lasua frequente omissione dai libri sugli artisti è talvolta attribuita agli sforzi di suo marito, Félix Bracquemond. Félix rispettava i talenti di sua moglie come artista, ma era in disaccordo con grande con il suo adattamento alle tecniche impressioniste, in particolare per il suo uso del colore.
È nata Marie Anne Caroline Quivoron ad Argenton-en-Landunvez, vicino a Brest, in Bretagna. Non godeva della stessa educazione o carriera delle altre famose impressioniste donne -Cassatt, Morisot, Gonzalès. Era la figlia di un matrimonio combinato infelice. Suo padre, un capitano di mare, è morto poco dopo la sua nascita. Sua madre Aline Hyacinthe Marie Pasquiou si risposò rapidamente con Émile Langlois, e da allora in poi condussero un’esistenza instabile, trasferendosi dalla Bretagna al Giura, in Svizzera e nel Limosino, prima di stabilirsi a Étampes, a sud di Parigi. Aveva una sorella, Louise, nata nel 1849 mentre la sua famiglia viveva vicino a Ussel (dipartimento Corrèze nel Limosino) nell’antica abbazia Notre-Dame de Bonnaigue.
Ha iniziato le lezioni di pittura nella sua adolescenza sotto la guida di M. Auguste Vassort, “un vecchio pittore che ora restaurava dipinti e dava lezioni alle giovani donne della città”. Ha progredito a tal punto che nel 1857 ha presentato al Salon un dipinto di sua madre, sorella e vecchia insegnante nello studio, che è stato accettato. Successivamente è stata presentata al pittore Ingres che la consigliò e la presentò a due dei suoi studenti, Flandrin e Signol. Come studentessa nello studio privato parigino di Ingres, scrisse che: “La severità di Monsieur Ingres mi spaventava … perché dubitava del coraggio e della perseveranza di una donna nel campo della pittura … Assegnava a loro solo la pittura di fiori, di frutti, di nature morte, di ritratti e discene di genere “. Il critico Philippe Burty l’ha definita “una delle allieve più intelligenti dello studio di Ingres”. In seguito lasciò lo studio di Ingres e iniziò a ricevere commissioni per il suo lavoro, tra cui uno dalla corte dell’Imperatrice Eugenia per un dipinto di Cervantes in prigione. Ciò evidentemente piacque, perché le fu poi chiesto dal conte de Nieuwerkerke, direttore generale dei musei francesi, di fare importanti copie al Louvre.
fu mentre copiava Old Masters al Louvre che fu vista da Félix Bracquemond che si innamorò di lei. Il suo amico, il critico Eugène Montrosier, organizzò un’incontro e da allora lei e Félix furono inseparabili, furono fidanzati per due anni prima di sposarsi il 5 agosto 1869, nonostante l’opposizione di sua madre.
Félix e Marie Bracquemond hanno lavorato insieme nello studio Haviland ad Auteuil dove suo marito era diventato direttore artistico. Ha progettato piatti per servizi da tavola ed eseguito grandi pannelli di piastrelle raffiguranti le Muse, che sono state mostrate all’Esposizione Universale del 1878.
Iniziò a far accettare regolarmente dipinti per il Salon dal 1864, gli sforzi del marito per insegnarle l’incisione furono solo un successo qualificato. Nondimeno ha prodotto nove incisioni che sono state mostrate alla seconda mostra della Society of Painter-Etchers alle Galeries Durand-Ruel nel 1890. Suo marito l’ha introdotta ai nuovi media e agli artisti che ammirava, così come i maestri più anziani come Chardin . Era particolarmente attratta dal pittore belga Alfred Stevens. Tra il 1887 e il 1890, sotto l’influenza degli impressionisti, lo stile di Bracquemond iniziò a cambiare. Le sue tele si ingrandirono e i suoi colori si intensificarono. Si trasferì fuori casa (parte di un movimento che divenne noto come plein air ) e, con disgusto del marito, Monet e Degas divennero i suoi mentori
Molte delle sue opere più famose sono state dipinte all’aperto, soprattutto nel suo giardino a Sèvres. Uno dei suoi ultimi dipinti è stato The Artist’s Son and Sister in the Garden a Sèvres . Bracquemond partecipò alle mostre impressioniste del 1879, 1880 e 1886.
Nel 1879 e nel 1880, alcuni dei suoi disegni furono pubblicati su La Vie Moderne . Nel 1881 espone cinque opere alla Dudley Gallery di Londra .
Nel 1886, Félix Bracquemond incontrò Gauguin tramite Sisley e portò a casa l’artista impoverito. Gauguin ha avuto un’influenza decisiva su Marie Bracquemond e, in particolare, le ha insegnato come preparare la sua tela per ottenere i toni intensi che ora desiderava a differenza di molti dei suoi contemporanei impressionisti, Bracquemond ha dedicato molti sforzi alla pianificazione dei suoi pezzi. Anche se molte delle sue opere hanno un’atmosfera spontanea, si è preparata in modo tradizionale attraverso schizzi e disegni
Sebbene sia stata messa in ombra dal suo famoso marito, il lavoro della solitaria Marie Bracquemond è considerato più vicino agli ideali dell’impressionismo. Secondo il loro figlio Pierre, Félix Bracquemond era spesso risentito con la moglie, rifiutando bruscamente la sua critica del suo lavoro e rifiutandosi di mostrare i suoi dipinti ai visitatori. Nel 1890, Marie Bracquemond, sfinita dai continui attriti domestici e scoraggiata dalla mancanza di interesse per il suo lavoro, abbandonò la sua pittura ad eccezione di poche opere private.
È rimasta una strenua difensore dell’Impressionismo per tutta la vita, anche quando non dipingeva attivamente. In difesa dello stile a uno dei tanti attacchi del marito alla sua arte, ha detto:

“L’impressionismo ha prodotto non solo un modo nuovo, ma anche on modo diverso do guardare le cose. È come se tutto in una volta una finestra si aprisse e il sole e l’aria entrassero nella tua casa a torrenti “.

Morì a Parigi il 17 gennaio 1916 ed è stata inclusa nella mostra del 2018 Women in Paris 1850-1900

Autore: Nonna Pitilla

Beh io sono una "donna, mamma, nonna", in pensione ormai da un po' di anni che ha amato e ama scrivere poesie e favole e cucinare e occuparsi di pittura o meglio di arte in generale. faccio molto volentieri la nonna di una bellissima bimba di 4 anni che è la mia vita, ma non ho abbandonato le mie passioni che volentieri condividerei con voi se volete. Il mio nome è Matilde, ma mia nipote mi chiama così nonna Pitilla... La Pitilla è un tipico pane salentino (lei non poteve saperlo), ma devo dire che mi rappresenta - anche se sono nata e ora vivo a Parma- amo la cucina in tutte le sue forme!

10 pensieri riguardo “Marie Bracquemond o del bisogno di libertà”

  1. Conosco bene quest’artista e le sue opere mi affascinano tantissimo. L’impressionismo è stata una corrente artistica veramente bella, capace di cogliere la bellezza anche dei momenti più tranquilli e quotidiani e anche la Bracquemond è riuscita in ciò. Ottimo articolo, molto interessante e approfondito.

    Piace a 1 persona

  2. Ciao personalmente non conoscevo questa artista, ma la stesura del tuo articolo è riuscito ad informarmi e anche ad incuriosirmi sulle opere dell’ artista. Bravissima un post davvero esaudiente ricco di informazioni. Complimenti!!!

    Piace a 1 persona

  3. Bellissima la definizione di impressionismo, la trovo perfetta. L’idea dell’aria e della luce che entrano dalla finestra improvvisamente, è proprio quello che si pensa di fronte a molti dipinti impressionisti

    Piace a 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Cucinando poesie

Per come fai il pane so qualcosa di te, per come non lo fai so molto di più. (Nahuél Ceró)

L'Occhio Del Cane

Diario Cinico Di Un Vecchio Randagio

Roberto Rizzo

Oltre la velocità della Luce,lo spazio dell'Universo,l'infinitamente Piccolo... Oltre tutto... solo il Pensiero.

London SE4

blog di arte, cultura e tutto quello che (mi) capita a Londra

Fravikings

Racconti di viaggio. Parliamo di città, borghi, natura, lago, montagna, mare, architettura, arte. Travel e Italia sono i miei hashtag.

nondefinitivo

Under Construction

Melina Scalise

Spazio Tadini - giornalista, psicologa

@didiluce photo blog

"Chi evita l'errore elude la vita." C. G. Jung

Mădălina lu' Cafanu

stay calm within the chaos

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: