Progetta un sito come questo con WordPress.com
Crea il tuo sito

Robert F Kennedy’s funeral train by Paul Fusco

oggi vorrei mostrarvi alcune foto che mi hanno davvero emozionato quando le ho viste la prima dopo che mi è stato regalato per un mio lontano compleanno il libro che le conteneva, sono state scattate da un grande fotografo, molto spesso sottovalutato che ha fotografato anche le conseguenze dell’incidente del 1986 nella centrale nucleare di Chernobylnuclear in Ucraina, ha raccolto anche immagini di sfortunati minatori di carbone nel Kentucky nel 1959, Cesar Chavez e i suoi lavoratori agricoli nel 1966, malati di AIDS a San Francisco nel 1993 e il funerale e le proteste che seguirono la morte di Alberta Spruill durante un pasticcio del raid della polizia ad Harlem nel 2003

Paul Fusco ha fotografato per la rivista Look le persone in lutto lungo la strada dal treno funebre del senatore Robert F.Kennedy nel 1968 ! delle migliaia di foto che ha scatatto ne fu pubblicata solo una, le altre rimasero “invendute” e come dice Fusco “nessuno le voleva, così le tenni per me” e ogni anno nell’anniversario della morte di Bob le offriva a varie riviste e giornali, senza alcuna risposta

Dopo la chiusura di Look  nel 1971, le fotografie finirono nella Library of Congress, in gran parte dimenticate, tranne che per Fusco fino a quando la rivista George, i cui fondatori includevano il nipote del senatore Kennedy John F. Kennedy Jr., ne pubblicò alcune per il 30 ° anniversario dell’assassinio. Per il 40 ° anniversario dell’assassinio, nel 2008, Lesley A. Martin della Aperture Foundation stava cercando di aggiornare quel libro e ha trovato più di 1.800 diapositive Kodachrome
Le foto sono state raccolte in un libro, “Paul Fusco: RFK”, con un’introduzione di Norman Mailer.
per il 50 ° anniversario, c’e stata una mostra al San Francisco Museum of Modern Art e sul The San Francisco Chronicle, Charles Desmarais guardando indietro, valutò ciò che Fusco aveva fatto quel giorno di giugno 1968.

“Non avrebbe considerato il suo progetto come arte concettuale, un termine coniato solo di recente e che un fotografo editoriale avrebbe rifiutato in quel giorno. Eppure la sua risposta istintiva a ciò che ha visto mentre il vagone del treno rallentava, città per città, ad ogni curva del binario, è stata quella di estrarre qualcosa di umano da una registrazione seriale quasi algoritmica.”

Fusco ha detto che la serie del treno funebre non era stata pianificata; il suo editore era stato vago nell’assegnare l’incarico.
“Mi ha detto, ‘C’è un treno, sali su’“, ha detto il signor Fusco a Publishers Weekly nel 2008. “Nessuna istruzione“.
Salì sul treno mentre partiva da New York dopo il funerale del senatore, ma per lo più stava pensando alla sepoltura al cimitero nazionale di Arlington in Virginia che doveva seguire all’arrivo del treno a Washington.

“Tutto quello a cui stavo pensando era come ottenere l’accesso quando fossimo arrivati ​​ad Arlington”, ha detto. “Poi, quando il treno è emerso da sotto l’Hudson, e ho visto centinaia di persone sul binario che guardavano il treno che passava lentamente, è andato molto lentamente. Ho aperto la finestra e ho iniziato a sparare “.

Durante il viaggio di otto ore ha catturato immagini di tutti i tipi di americani, in piedi sui tetti, sventolando bandiere, chinando la testa.
Alcune delle immagini, scattate da un treno in movimento, sono comprensibilmente sfocate.

“Il movimento che appare in molte fotografie, per me, ha enfatizzato la disgregazione del mondo”, ha detto Fusco al New York Times nel 2008, “la rottura di una società, emotivamente”.

la morte di Bob Kennedy aveva davvero impressionato tutta l’America, oserei dire forse più di quella del fratello, era come se gli US si fossere uniti senza divisioni di classe, di colore o religione in un abbraccio fortissimo a LUI

Pubblicità

Autore: Nonna Pitilla

Beh io sono una "donna, mamma, nonna", in pensione ormai da un po' di anni che ha amato e ama scrivere poesie e favole e cucinare e occuparsi di pittura o meglio di arte in generale. faccio molto volentieri la nonna di una bellissima bimba di 4 anni che è la mia vita, ma non ho abbandonato le mie passioni che volentieri condividerei con voi se volete. Il mio nome è Matilde, ma mia nipote mi chiama così nonna Pitilla... La Pitilla è un tipico pane salentino (lei non poteve saperlo), ma devo dire che mi rappresenta - anche se sono nata e ora vivo a Parma- amo la cucina in tutte le sue forme!

8 pensieri riguardo “Robert F Kennedy’s funeral train by Paul Fusco”

  1. Stupenda questa storia! È bello sapere che ogni tanto la vita si volta indietro e riconosce i dovuti meriti a chi fa qualcosa di buono e di utile nella sua vita. Fa ben sperare. 😊

    Non sapevo che Robert Kennedy fosse più ben voluto di John… 🤔

    Questo è un altro post da collezione. Complimenti! 😊😊

    Piace a 1 persona

  2. La storia è intensa e commuovente, ma soprattutto colpisce l’occhio del fotografo che ha saputo cogliere la semplicità e la varia umanità della gente. C’è affetto, sicuramente, ma soprattutto molto rispetto per quello che l’uomo rappresentava.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Rebus Sic Stantibus

Timeo Danaos et dona ferentes

4000 Wu Otto

Drink the fuel!

quartopianosenzascensore

Dura tenersi gli amici, oggigiorno...

endorsum

X e il valore dell'incognita

Cucinando poesie

Per come fai il pane so qualcosa di te, per come non lo fai so molto di più. (Nahuél Ceró)

Nonsolocinema

Parliamo di emozioni

Solorecensioni

... ma senza prendersi troppo sul serio

Parola di Scrib

Parole dette, parole lette

Indicibile

stellare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: