Wadi Mujib e fare canyoning in Giordania

Visitare il Wadi Mujib è un’esperienza a tutto tondo. Qualcosa da non perdere in occasione di un viaggio in Giordania, le attività possibili in zona sono molte e sempre in mezzo alla natura così selvaggia e apparentemente inospitale di questa zona della Giordania.
la mia zona preferita però rimane il canyoning fra le alte pareti di roccia,
Il Wadi Mujib nello specifico è un fiume, o wadi, che ha scavato nel corso del tempo una profonda gola e che si getta nel Mar Morto a 420 metri sotto il livello del mare.ì, Il punto si sbocco si trova nella parte centro-sud del Mar Morto, sul suo lato orientale.
fino ad oggi non ci sono mezzi pubblici che colleghino Amman al Mujib Adventure Center, e per visitare il Wadi Mujib sarà quindi necessario contrattare un passaggio in taxi da Amman a partire che costa circa 70 JOD (quasi 70 euro andat e ritorno per 5 persone) per 90 chilometri di strada oppure poter disporre di un’auto propria o a noleggio.
in auto da Madaba si imbocca la strada che conduce verso il Monte Nebo e quindi si segue per il Mar Morto. Costeggiando sulla destra il Mar Morto

per diversi chilometri si arriva infine al Mujib Bridge.

Il Wadi Mujib è parte della Riserva della Biosfera del Mujib, gestita dalla divisione ecoturismo, Wild Jordan, della RSCN (Royal Society for the Conservation of Nature).
questa riserva ha un’estensione di 212 chilometri quadrati e include un’ampia varietà di habitat, dalle colline fino al Mar Morto, da 700 a -400 metri sul livello del mare.
Nonostante possa sembrare una zona arida e inospitale, include ben sette wadi (corsi d’acqua) sempre attivi e una straordinaria varietà di fauna e flora.
Fra le specie presenti ci sono : il lupo siriano, la mangusta egiziana, la volpe di Blanford, il caracal, la iena striata, lo stambecco della Nubia, varie vipere e il cobra del deserto.
Vale la pena prendersi il tempo per esplorare questa zona praticando l’escursionismo, come ad esempio l’Ibex Trail, ma se non avete tanto tempo c’è un’attività alternativa molto divertente: il canyoning.
per fare questa attività bisogna avere almeno 18 anni, saper nuotare ed essere abbastanza in forma ah ah, e ci sono tre possibili itinerari :
1) (percorso più semplice di circa 2/3 ore) dal Visitor Center si risale il corso del fiume, all’ombra all’interno delle alti pareti del canyon fino alla base di una cascata alta 20 metri. In base alla stagione ci può essere più o meno acqua e al ritorno è possibile farsi trascinare dalla corrente per alcuni tratti.
2) (percorso di media difficoltà di circa 4 ore, non bisogna aver paura dell’altezza) dal Visitor Center attraverso le colline di roccia bianca si arriva a monte della cascata all’interno della gola. Dopo la discesa della cascata in corda doppia, si prosegue lungo il canyon seguendo la corrente per tornare al Visitor Center.
3) (percorso difficile di circa 7 ore, sempre senza paura dell’altezza) dal Visitor Center attraverso le colline di roccia Bianca si entra nel canyon risalendolo fino alla confluenza col Hidan River. Dopo il pranzo al sacco e una nuotata alle piscine naturali si effettua la discesa della cascata e si torna al Visitor Center.

Il vasto Wadi Mujib, definito orgogliosamente “il Grand Canyon della Giordania”, attraversa il paese dalla Strada del Deserto al Mar Morto Oltre che per la spettacolare bellezza, è importante per il significato storico: anticamente segnava infatti il confine tra il regno degli amoriti (a nord) e quello dei moabiti (a sud). Si ritiene inoltre che Mosè abbia attraversato a piedi il Wadi Mujib, allora noto come Valle di Arnon. La Strada dei Re attraversa le propaggini superiori del wadi, mentre quelle inferiori rientrano all’interno della Riserva della Biosfera del Wadi Mujib, che in genere si raggiunge passando per la Strada del Mar Morto.
La gola è profonda 1 km e larga 4 km, ma la strada che la attraversa, ovvero la Strada dei Re, si snoda per ben 18 km di tornanti per scendere lungo una parete del wadi, superare la DIGA che si trova in fondo e risalire dall’altra parte

Dal pittoresco paesaggio di olivi che si estende sull’altopiano sui due lati del wadi non si intuisce minimamente lo spettacolare squarcio che attraversa la regione.
Viaggiando in direzione sud, l’ultima cittadina da cui si passa prima di iniziare la discesa nel Wadi Mujib è Dhiban. In questa località, che un tempo era la potente capitale dell’impero fondato dal re Mesha nel IX secolo a.C., fu rinvenuta la Stele di Mesha. Dell’antico insediamento, però, non resta alcuna traccia, ed è difficile immaginare che questa cittadina anonima abbia un passato così illustre.

Autore: Nonna Pitilla

Beh io sono una "donna, mamma, nonna", in pensione ormai da un po' di anni che ha amato e ama scrivere poesie e favole e cucinare e occuparsi di pittura o meglio di arte in generale. faccio molto volentieri la nonna di una bellissima bimba di 4 anni che è la mia vita, ma non ho abbandonato le mie passioni che volentieri condividerei con voi se volete. Il mio nome è Matilde, ma mia nipote mi chiama così nonna Pitilla... La Pitilla è un tipico pane salentino (lei non poteve saperlo), ma devo dire che mi rappresenta - anche se sono nata e ora vivo a Parma- amo la cucina in tutte le sue forme!

21 pensieri riguardo “Wadi Mujib e fare canyoning in Giordania”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...