Progetta un sito come questo con WordPress.com
Crea il tuo sito

I Pittori di Skagen o dell’arte scandinava (quarta parte)

Krohg, Christian; “Albertine”, Kopenhagen, Statens Museum for Kunst.

QUI la prima parte, QUI la seconda parte, QUI la terza parte

Christian Krohg
norvegese 1852 – 1925

è un pittore norvegese molto famoso che si collegò con i pittori di Skagen che su incoraggiamento dell’artista Frits Thaulow visitò spesso
Ritornò a Skagen nel 1882-84 e nel 1888 ed influenzò altri artisti tra cui Anna e Michael Ancher
a me personalmente è molto simpatico, perchè fu anche scrittore, giornalista e naturalista, ebbe svariati interessi e nella sua pittura spesso affiorano
Christian Krohg è nato a Vestre Aker (ora Oslo), Norvegia, era uno dei cinque figli nati da Georg Anton Krohg e Sophie Amalia Holst e nipote di Christian Krohg (1777–1828) che aveva servito come ministro del governo. Suo padre era un impiegato statale, giornalista e scrittore. Sua madre morì quando lui aveva solo 8 anni e la sorella di suo padre si assunse la responsabilità della famiglia e dell’educazione dei bambini. Dal 1861 frequentò la Hartvig Nissen School
Suo padre gli aveva chiesto di intraprendere una carriera legale. Krohg ha studiato legge all’Università di Oslo (allora Christiania ) laureandosi. nel 1873, lo stesso anno in cui morì suo padre. Tra il 1869 e il 1870 aveva studiato anche alla scuola d’arte di Johan Fredrik Eckersberg a Lille Grensen a Christiania. Studiò anche in Germania, prima alla Baden School of Art di Karlsruhe sotto Hans Gude nel 1874. Si formò anche sotto Karl Gussow dal 1875. Ha seguito gli studi alla Königliche Akademie di Berlino dal 1875 al 1878.
Krohg lavorò a Parigi dal 1881 al 1882. Ispirato dalle idee dei realisti , scelse i motivi principalmente dalla vita di tutti i giorni, spesso i suoi lati più oscuri o socialmente inferiori. La prostituzione è il soggetto del suo dipinto Albertine , e

“Albertine”

Krohg ha anche scritto un romanzo sulla scena raffigurata. Il romanzo, Albertine , ha causato uno scandalo quando è stato pubblicato per la prima volta, ed è stato confiscato dalla polizia.
Lo stile di Krohg lo ha reso una figura di spicco nella transizione dal romanticismo al naturalismo .
Ci sono notevoli collezioni d’arte di Christian Krohg nel Museo Nazionale di Arte, Architettura e Design di Oslo e al Museo Skagens in Danimarca.

Thorvald Niss
danese 1842 – 1905

era un paesaggista danese che si interessò all’arte marina dopo essere diventato un membro dei pittori di Skagen
Nato ad Assens , era figlio di Niels Frederik Niss, un imbianchino, e di sua moglie Barbara Kirstine. Quando aveva 18 anni, divenne apprendista pittore a Copenaghen, dove cercò di sviluppare il suo talento artistico la sera. Dal 1861 frequentò la scuola serale presso la Royal Danish Academy e dal 1863 lavorò come decoratore presso la fabbrica di porcellane Royal Copenhagen . Alla fine degli anni ’70 del XIX secolo entrò in contatto con Otto Bache che lo invitò a lavorare nel suo studio dove conobbe le ultime tendenze della pittura francese. All’inizio degli anni ottanta dell’Ottocento era diventato un moderno paesaggista,paragonabile a Christian Zacho e Godfred Christensen
I tratti ampi e i colori forti che ha applicato ai suoi paesaggi autunnali e invernali gli hanno portato un ampio riconoscimento. Nel 1882, il suo Septemberdag i Jægersborg dyrehave gli valse una medaglia d’oro a Vienna e l’anno successivo un paesaggio invernale dei boschi di Folehaven fu acquistato dallo Statens Museum for Kunst , la galleria nazionale danese che gli conferì un più ampio riconoscimento. Grazie ad una borsa di viaggio, nel 1885 si recò in Italia e in Grecia, e nel 1889 a Parigi. Nel 1887, visitò Skagen dove divenne membro della colonia di artisti Lì dipinse il mare, adottando un nuovo approccio all’arte marina con il suo Morgengry (Daybreak) nel 1888 eStrandparti. Grenen nel 1889. Ha continuato a dipingere scene marine altrove,
in particolare del Mediterraneo. Negli anni ’90 dell’Ottocento usò sempre più l’acquaforte per le sue scene marine, alcune con sfumature simboliche.
Dopo aver sofferto per diversi anni di esaurimento nervoso, morì a Frederiksberg

Oscar Gustaf Björck
svedese 1860 – 1929

Nato a Stoccolma, dal 1877 al 1882, Björck fu uno studente di Edvard Perséus all’Accademia, nel 1883, Björck ottenne una borsa di studio di viaggio. Trascorse l’inverno 1883-84 a Parigi. L’inverno successivo, si recò a Monaco di Baviera dove dipinse alcuni ritratti, tra cui un dipinto a figura intera di sua moglie. Nella primavera del 1885 si trasferì a Venezia e, in autunno, a Roma dove dipinse il grande ritratto di Susanna ( Gothenburg Museum of Art )

e Romerska smeder (fabbri romani) ( Washington National Gallery of Art , Washington). Nel 1887, ha completato una serie di dipinti tra cui il Veneziansk saluhall (sala veneziana) ( Nationalmuseum of Sweden) e Lördagsmässa i Markuskyrkan (Messa del sabato nella chiesa di San Marco).
Björck fu incoraggiato ad andare a Skagen nel 1882 da PS Krøyer che aveva incontrato a Parigi e per il quale mostrò grande ammirazione. Si è subito affezionato alla comunità degli artisti lì, in particolare Michael Ancher , sua moglie Anna e Holger Drachmann . Non era solo il paesaggio di Skagen ad attrarlo, ma anche il calore e l’ospitalità degli artisti stessi. Björck trascorse lì diverse estati, completando alcuni dei suoi migliori dipinti sotto l’influenza di Krøyer e del movimento naturalista francese
Dopo soggiorni estivi a Skagen in Danimarca nel 1882, 1883 e 1884, si stabilì finalmente a Stoccolma nel 1888, dove si concentrò sui ritratti. Questi includono molti del re Oscar (tra cui uno al castello di Skokloster , un intero al castello di Drottningholm , uno con corona e mantello nel palazzo di Stoccolma e uno che è stato acquistato dall’imperatore tedesco.

Ha anche dipinto Prins Eugen vid staffliet ( Prince Eugen al cavalletto) (Nationamuseum, 1895); Il principe ereditario Gustaf (Palazzo di Stoccolma, 1900), La moglie dell’artista (a figura intera, 1891, Museo di Göteborg) e il barone Johan Nordenfalk den yngre [sv ] (Royal Academy, 1892). Inoltre, ha completato alcuni paesaggi, un paio di generi e vari dipinti decorativi.
I primi ritratti di Björck furono influenzati da Georg von Rosen e le sue immagini di Skagen riflettevano l’influenza degli artisti danesi, in particolare Peder Severin Krøyer . In molte delle sue opere caratteristiche, ha raffigurato la classe media svedese del suo tempo.

un brano msucale di Paul von Klenau  che ho rubato QUI da Claudio Capriolo

Pubblicità

I Pittori di Skagen o dell’arte scandinava (terza parte)

Peder Severin Krøyer 

QUI la prima parte QUI la seconda parte

Peder Severin Krøyer
norvegese/danese1851 – 1909

Krøyer nacque a Stavanger, in Norvegia da Ellen Cecilie Gjesdal. Fu allevato dalla sorella di Gjesdal, Bertha Cecilie e dal cognato, lo zoologo danese Henrik Nikolai Krøyer, dopo che sua madre fu giudicata inadatta a prendersi cura di lui. Poco dopo Krøyer si trasferì a Copenaghen per vivere con i suoi genitori adottivi. Dopo aver iniziato la sua educazione artistica all’età di nove anni sotto tutela privata, si è iscritto all’Istituto Tecnico di Copenaghen l’anno successivo.
Il suo debutto ufficiale come pittore avvenne nel 1871 a Charlottenborg con il ritratto di un amico, il pittore Frans Schwartz. Ha esposto regolarmente a Charlottenborg per tutta la vita.
Nel 1874 Heinrich Hirschsprung acquistò il suo primo dipinto da Krøyer, stabilendo un mecenatismo di lunga data. La collezione d’arte di Hirschsprung costituisce la base del Museo Hirschsprung di Copenaghen.
Tra il 1877 e il 1881, Krøyer viaggiò molto in Europa, incontrando artisti, studiando arte e sviluppando le sue capacità e prospettive. Rimase a Parigi e studiò sottoLéon Bonnat, e senza dubbio subì l’influenza del contemporaneo impressionisti – Claude Monet, Alfred Sisley, Edgar Degas, Pierre-Auguste Renoir e Édouard Manet
Nel 1882 tornò in Danimarca. Ha trascorso giugno-ottobre a Skagen, dipingendo temi della vita locale e rappresentazioni della comunità artistica locale. Continuerà a essere associato allo sviluppo della scena artistica e letteraria di Skagen. Altri artisti a Skagen includevano gli scrittori Holger Drachmann, Georg Brandes e Henrik Pontoppidan
Krøyer divideva il suo tempo tra case in affitto a Skagen durante l’estate, un appartamento invernale a Copenaghen dove lavorava ai suoi grandi ritratti commissionati, e viaggi fuori dal paese.
Durante un viaggio a Parigi nel 1888 incontrò Marie Martha Mathilde Triepcke, che aveva conosciuto a Copenaghen. Si innamorarono e, dopo una vorticosa storia d’amore, si sposarono il 23 luglio 1889 a casa dei suoi genitori in Germania. Marie Krøyer, che era anche una pittrice, fu associata alla comunità di Skagen e dopo il loro matrimonio fu spesso descritta nei dipinti di Krøyer. La coppia ebbe una figlia, una figlia di nome Vibeke, nata nel gennaio 1895. Divorziarono nel 1905 a seguito di una prolungata separazione.
La vista di Krøyer gli è venuta meno gradualmente negli ultimi dieci anni della sua vita fino a diventare completamente cieco. Sempre ottimista, ha dipinto quasi fino alla fine, nonostante gli ostacoli alla salute. In effetti, ha dipinto alcuni dei suoi ultimi capolavori mentre era mezzo cieco, scherzando sul fatto che la vista in un occhio funzionante era migliorata con la perdita dell’altro occhio.

Carl Locher
1851 – 1915

è stato sempre un po’ dimenticato sia dai critici, sia dalle mostre, soltanto negli ultimi anni ne è stta rivalutata l’arte e la bravura
nato a Flensburg nel Schleswig che era allora parte della Danimarca, fin da piccolo ha avuto un interesse per le navi e ha ricevuto la sua prima formazione da suo padre che ha dipinto ritratti di navi per vivere. Dopo la morte del padre, Carl ha continuato la sua attività per un breve periodo e continuò a diversi viaggi con navi della Royal Danish Navy . Colpito dalla grandezza del Oceano Atlantico , un viaggio alla Indie Occidentali danesi ha fatto una particolare impressione su di lui.
Anche prima di iniziare i suoi studi presso la Royal Danish Academy of Art nel 1872, è stato incoraggiato da Holger Drachmann di trascorrere un paio di mesi a Skagen
Ha completato rapidamente dipinti della spiaggia, alcune con barche da pesca o relitti.
Nel 1870, Locher ha proseguito i suoi studi a Parigi, ma ha visitato Skagen ogni volta che è tornato in Danimarca. Alla fine aveva una casa costruita là dove ha vissuto fino alla sua morte.
Come incisore Locher è stato considerato tra i migliori e più produttivo degli artisti danesi; nel 1892, ha dedicato la maggior parte del suo tempo all’arte dell’incisione, e viaggiò – con il sostegno dello Stato danese – a Berlino, dove divenne allievo dellì eccellente incisore in rame Hans Meyer .
Una raccolta completa delle sue stampe che si trova a Skagen Museum .
Supportato da parte dello Stato, ha aperto una scuola di incisione per artisti danesi a Copenaghen , dove ha insegnato fino al 1900.

Lauritz Regner Tuxen
danese 1810 – 1891

Re Cristiano IX di Danimarca con la famiglia

Lauritz Regner Tuxen è cresciuto a Copenhagen , in Danimarca. Era il figlio di Nicolai Elias Tuxen e Bertha Laura Giødvad . Suo padre era un ufficiale di marina e direttore del cantiere navale danese . La pittrice di nature morte e fiorista Nicoline Tuxen era sua sorella maggiore.
Dal 1868 al 1872 studiò alla Royal Danish Academy of Art insieme a Peder Severin Krøyer e ha studiato nello studio parigino di Léon Bonnat durante il 1875-1876 e di nuovo dal 1877-1878.
Visitò per la prima volta Skagen nel 1870, tornando in diverse occasioni. Negli anni 1880 e 1890 viaggiò molto dipingendo ritratti per le famiglie reali europee, tra cui Cristiano IX di Danimarca , la regina Vittoria e la famiglia reale russa
Laurits Tuxen divenne il primo direttore della scuola “Kunstnernes Frie Studieskoler” fondata a Copenaghen nel 1882, su iniziativa di un gruppo di studenti insoddisfatti della Royal Academy of Fine Arts e come reazione agli insegnamenti obsoleti dell’Accademia e e Peder Severin Krøyer uno dei suoi insegnanti.
Nel 1914 compì un viaggio di studio in Grecia per dipingere l’ingresso di Giorgio I di Grecia a Salonicco , per il castello cristiano. Realizza ritratti vivaci e ben caratterizzati, tra cui il suo autoritratto alla Galleria degli Uffizi a Firenze, e ritratti di PS Krøyer , al Museo di Belle Arti di Budapest. Ha anche realizzato ritratti in scultura, incluso un gruppo di ritratti di Krøyer e Michael Ancher . Tuxen ha continuato a dipingere una serie di paesaggi a Skagen e dintorni, ma ha anche completato una serie di dipinti della sua famiglia, degli amici e dei fiori del giardino.
Nel 1886 si sposò con Charlotte Pauline Ursule de Baisieux ,Nel 1901, dopo la morte della prima moglie, sposò Frederikke Kos Treschow
Successivamente ha acquistato la casa di Madam Bendsen a Skagen, , trasformandola in una maestosa residenza estiva.

I Pittori di Skagen o dell’arte scandinava (seconda parte)

QUI la prima parte
ed ora vediamo in dettaglio alcuni di loro cominciando da una donna e non a caso!

Anna Ancher
danese 1859-1935

Anna Kirstine Brøndum Ancher è nata a Skagen, era l’unica dei pittori di Skagen che era effettivamente nata e cresciuta a Skagen, dove suo padre possedeva il Brøndums Hotel dove si imcontravano tutti i pittori. Il talento artistico di Anna Ancher è diventato evidente in tenera età e ha fatto conoscenza con l’arte pittorica attraverso i numerosi artisti che si sono stabiliti per dipingere a Skagen, ha sviluppato molto presto il suo stile ed è stata una pioniera nell’osservare l’interazione di diversi colori alla luce naturale.
ha inoltre studiato disegno a Parigi presso l’atelier diPierre Puvis de Chavannes insieme a Marie Triepcke, che si sarebbe sposata Peder Severin Krøyer, un altro pittore di Skagen e nel 1880 sposò il collega pittore Michael Ancher, che incontrò a Skagen. Hanno avuto una figlia, la figlia Helga Ancher. Nonostante le pressioni della società affinché le donne sposate si dedicassero ai doveri domestici, ha continuato a dipingere dopo il matrimonio.
era considerata una delle grandi artiste pittoriche danesi in virtù delle sue capacità di pittrice e colorista di personaggi.
la sua arte ha trovato la sua espressione nella svolta moderna dell’arte nordica verso una rappresentazione più veritiera della realtà,
preferiva dipingere interni e temi semplici della vita quotidiana degli abitanti di Skagen, in particolare pescatori, donne e bambini. Era intensamente occupata nell’esplorazione della luce e del colore

Michael Ancher
danese 1849-1927

Michael Peter Ancher è nato a Rutsker sull’isola di Bornholm, trascorse un breve periodo presso la scuola d’arte di CV Nielsen come preliminare per entrare a far parte delLa Royal Danish Academy of Art di Copenhagen nel corso dell’anno. Sebbene abbia trascorso un po ‘di tempo all’accademia, se ne andò nel 1875 senza laurearsi.
Uno dei suoi compagni di studio era Karl Madsen che lo invitò a recarsi a Skagen dove incontrò e sposò Anna Ancher che lo introdusse al concetto naturalistico di riproduzione non decorata della realtà e dei suoi colori. Combinando la composizione pittorica della sua giovinezza con gli insegnamenti del naturalismo, Michael Ancher ha creato quella che è stata definita arte figurativa monumentale moderna

Viggo Johansen
danese 1851 – 1935

da ragazzo, Johansen aveva già un talento per il disegno che è stato riconosciuto da Wilhelm Marstrand . Ha studiato all’Accademia Reale Danese di Belle Arti dal 1868 al 1875, specializzandosi in pittura di figura, ma non ha superato l’esame di laurea.
si dice che a Skagen mostrasse lo stesso interesse per suonare Mozart al pianoforte dell’hotel o Gluck all’organo della chiesa come per la pittura. Sposò la cugina di Anna Ancher , Martha Møller nel 1880. Martha servì spesso come modella, ad esempio

fu associato per la prima volta ai pittori di Skagen nel 1875, incoraggiato dai suoi compagni studenti Karl Madsen e Michael Ancher
dal 1885 espone a Parigi; lì fu ispirato da Claude Monet , in particolare nel suo uso del colore
dopo il suo ritorno da Parigi, i suoi dipinti hanno assunto toni più chiari; aveva notato l’assenza del nero nelle opere degli artisti francesi e considerava le sue prime opere troppo oscure al confronto, tuttavia, Johansen è ricordato particolarmente per gli effetti di luce soffusa dei suoi interni, molti dei quali sono stati dipinti dopo la sua visita a Parigi

qui termina la seconda parte!! alla prossima
un brano msucale di Carl Nielsen che ho rubato QUI da Claudio Capriolo

I Pittori di Skagen o dell’arte scandinava (prima parte)

trovai diversi anni fa sul web, quando era ancora agli albori ( si usava Lycos per la ricerca) per caso la foto di un quadro che ritraeva un gruppo di amici a pranzo e la didascalia diceva “PS Krøyer : Hip, Hip, Evviva! -I pittori di Skagen”

“PS Krøyer : Hip, Hip, Evviva! -I pittori di Skagen”

e mi ha molto incuriosito perchè non sapevo dove fosse quella località e perchè il dipinto mi piaceva r èure il titolo, feci delle ricerche con una certa difficoltà sul web, ma mi aiutai anche con libri d’arte e trovai dei piccoli tesori nascosti ..
era il lontano 1994 e mi si apri un mondo che non conoscevo, non solo di pittori, ma anche di scrittori scandinavi, alcuni dei quali per fortuna tradotti in inglese, è stato per me un bel periodo perchè quella parte d’Europa mi era sconosciuta e poi un po’la girai e le soprese non finirono mai e ora grazie al Blog di Claudio Cpriolo scopro piano piano anche la muisca di quella zona e la cosa mi fa felice, lo scoprire cose nuove mi rende allegra! mia figlia mi dice “mammina cosa hai per le mani di nuovo?” e scoppia a ridere ormai riconosce la mia allegria da scoperta
dicevamo dunque I pittori di Skagen erano un gruppo di artisti scandinavi che si riunirono nel villaggio di Skagen , la parte più settentrionale della Danimarca , dalla fine del 1870 fino all’inizio del secolo
Skagen era una destinazione estiva la cui natura scenica, l’ambiente locale e la comunità sociale attiravano artisti del nord a dipingere en plein air , emulando gli impressionisti francesi, sebbene i membri della colonia di Skagen fossero anche influenzati da movimenti realisti come la scuola di Barbizon e si sono staccati dalle tradizioni piuttosto rigide dell’Accademia reale danese di belle arti e del Royal Swedish Academy of Arts , sposando le ultime tendenze che avevano appreso a Parigi
tra il gruppo c’erano Anna e Michael Ancher , Peder Severin Krøyer , Holger Drachmann , Karl Madsen , Laurits Tuxen , Marie Krøyer , Carl Locher , Viggo Johansen e Thorvald Niss dalla Danimarca, Oscar Björck e Johan Krouthén dalla Svezia, e Christian Krohg e Eilif Peterssen dalla Norvegia. Il gruppo si è riuniva regolarmente al Brøndums Inn

Skagen, nell’estremo nord dello Jutland , era la più grande comunità di pescatori in Danimarca, con più della metà della sua popolazione così impegnata, tra la gente del posto, i pescatori erano di gran lunga il soggetto più comune per i pittori di Skagen
le lunghe spiagge di Skagen sono state sfruttate nei paesaggi del gruppo; , uno dei più noti pittori di Skagen, è stato ispirato dalla luce della sera ” Blue hour “, che faceva sembrare l’acqua e il cielo fondersi otticamente. Questo è catturato in uno dei suoi dipinti più famosi, Summer Evening at Skagen Beach – The Artist and his Wife(1899).

Peder Severin Krøyer -Summer Evening at Skagen Beach – The Artist and his Wife(1899).

Sebbene i pittori avessero i propri stili individuali senza alcun obbligo di aderire a un approccio o manifestare comune, uno dei loro interessi comuni era dipingere scene delle proprie riunioni sociali, giocare a carte, celebrare o semplicemente mangiare insieme.
I pittori di Skagen iniziarono rapidamente a formare una comunità affiatata mentre le relazioni tra gli artisti e le giovani donne della zona crescevano. nel 1880, Michael Ancher sposò Anna Brøndum della pensione, Viggo Johansen sposò Martha Møller, cugina di Anna, e Karl Madsen sposò Helene Christensen, un’insegnante
la casa in cui si trasferirono gli Anchers nel 1884 divenne un punto focale per la colonia di artisti, soprattutto perché la coppia viveva lì tutto l’anno. quando la loro figlia Helga (la bambina in Hip, Hip, Hurray! ) morì nel 1964, lasciò la casa a una fondazione che presto la trasformò in un museo Johansens ebbe una famiglia numerosa tra il 1881 e il 1886: Ellen Henriette (figlia di Henriette, sorella di Martha, morta durante il parto), Lars, Fritz, Gerda e Bodil. Possono essere visti ballare intorno all’albero di Natale nel dipinto Buon Natale di Johansen .

Viggo Johansen – Buon Natale

Un’altra figura chiave a Skagen, PS Krøyer, sposò Marie Triepcke
dopo essersi innamorata di lei a Parigi nel 1888, figlia di un prospero ingegnere tedesco, si diceva che fosse la donna più bella di Copenaghen

Peder Severin Krøyer – Marie Triepcke

Tuttavia, con il passare degli anni, la salute di Krøyer iniziò a peggiorare e Marie era sempre più insoddisfatta del loro matrimonio. Il matrimonio si concluse infine con un divorzio nel 1905, quando Marie rimase incinta dopo una relazione con il compositore Hugo Alfvén che poi sposò. Krøyer morì a Skagen quattro anni dopo, apparentemente a causa di una malattia mentale.
nel 1901, dopo la morte della sua prima moglie Ursule, Laurits Tuxen sposò Frederikke Treschow, un norvegese, e poco dopo acquistò la casa di Madam Bendsen a Skagen dove prima Viggo e Martha Johansen e poi Marie e PS Krøyer avevano soggiornato negli anni 1880 e la trasformò in una maestosa residenza estiva.
Michael Ancher e Laurits Tuxen morirono nel 1927,Anna Ancher e Viggo Johansen nel 1935
Michael Ancher ha attirato l’attenzione sulle attrazioni della zona quando il suo Will He Round the Point? (1885)

Michael Ancher -Will He Round the Point? (1885)

fu acquistato dal re Cristiano IX . Sposò Anna Brøndum, l’unico membro del gruppo di Skagen, che divenne un’artista donna pioniera in un momento in cui alle donne non era permesso studiare alla Royal Academy di Danimarca. Oggi lo Skagens Museum , fondato nella sala da pranzo del Brøndum’s Hotel nell’ottobre 1908, ospita molte delle loro opere d’arte, circa 1.800 pezzi in totale. Molti dei dipinti sono stati digitalizzati nell’ambito di Google Art Project e sono accessibili online. Continuano ad essere organizzate mostre correlate; nel 2008, l’ Arken Museum of Modern Arta Copenhagen ha presentato “The Skagen Painters — In a New Light”, e nel 2013, il National Museum of Women in the Arts di Washington, DC ha presentato “A World Apart: Anna Ancher and the Skagen Art Colony”.
I principali pittori danesi includevano Karl Madsen, Laurits Tuxen, Marie Krøyer, Carl Locher, Viggo Johansen, Thorvald Niss e, in particolare, Anna e Michael Ancher e Peder Severin Krøyer. C’erano anche pittori dal resto della Scandinavia tra cui Oscar Björck e Johan Krouthén dalla Svezia e Christian Krohg e Eilif Peterssen dalla Norvegia. Gli incontri a Skagen non erano limitati ai pittori. Fanno parte del gruppo anche gli scrittori danesi Georg Brandes , Holger Drachmann e Henrik Pontoppidan e il compositore svedese Hugo Alfvén.
Uìun certo numero di altri artisti si unirono agli Skagen Painters per periodi più brevi. Dalla Danimarca Vilhelm Kyhn, Einar Hein e Frederik Lange, dalla Norvegia Frits Thaulow , Charles Lundh e Wilhelm Peters , dalla Svezia Wilhelm von Gegerfelt e Anna Palm de Rosa , dalla Germania Fritz Stoltenberg e Julius Runge , e dall’Inghilterra Adrian Stokes e il sua moglie di origine austriaca, Marianne Stokes, anche il compositore danese Carl Nielsen e sua moglie Anne Marie , una scultrice, trascorsero le estati a Skagen e alla fine acquistarono una casa estiva lì

qui termina la prima parte!! alla prossima
un brano msucale di Hugo Alfvén che ho rubato QUI da Claudio Capriolo

Hugo Alfvén (1º maggio 1872 - 8 maggio 1960): Aftonen (Sera)

Rebus Sic Stantibus

Timeo Danaos et dona ferentes

4000 Wu Otto

Drink the fuel!

quartopianosenzascensore

Dura tenersi gli amici, oggigiorno...

endorsum

X e il valore dell'incognita

Cucinando poesie

Per come fai il pane so qualcosa di te, per come non lo fai so molto di più. (Nahuél Ceró)

Nonsolocinema

Parliamo di emozioni

Solorecensioni

... ma senza prendersi troppo sul serio

Parola di Scrib

Parole dette, parole lette

Indicibile

stellare