memories: una fra le tante musiche che amo…

mi manca ascoltare dal vivo il suono del rababa, uno strumento antico e grezzo che veniva usato anticamente per accompagnare i poeti cantori che narravano le gesta degli antichi cavaglieri e beduini , parlavano di fanciulle dalla pelle di pesca ,di amori lontani, ma anche di cavalli, di battaglie e di storie di re

di solito in agosto non sono qui e questa musica mi manca , mi manca il tè alla menta nei bicchierini trasparenti e ricamati, e il gelsomino sulla veranda…

il giorno di ferragosto sta per finire e io ascolto e immagino

buona notte

Rebus Sic Stantibus

Timeo Danaos et dona ferentes

4000 Wu Otto

Drink the fuel!

quartopianosenzascensore

Dura tenersi gli amici, oggigiorno...

Paola Pioletti

L'ordine delle mie cose

endorsum

X e il valore dell'incognita

Cucinando poesie

Per come fai il pane so qualcosa di te, per come non lo fai so molto di più. (Nahuél Ceró)

Nonsolocinema

Parliamo di emozioni

Solorecensioni

... ma senza prendersi troppo sul serio

Parola di Scrib

Parole dette, parole lette

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito