nulla resta della guerra

io credevo che almeno durante questa emergenza i conflitti sparsi per il mondo e che sono davvero tanti, avessero avuto momenti di pausa, e si fossero per lo meno allentati, ma mi sbagliavo i Signori della guerra non conoscono pause! anzi in diversi casi la minore attenzione internazionale alle varie vicende ha riacceso dei conflitti che parevano sopiti

nulla resta della guerra
soltanto polvere di falsi trionfi
teschi avvolti nell’oblio
inascoltati spettri
di abissi cosmici
a modellare piaghe infette
da sangue lasciato
sui selciati piangenti

giovani occhi serrati
in violenze non volute
in dolori non ridolti

scarpe macchiate
dal silenzio dello spirito
appese all’ombra delle parole

nulla resta della guerra
soltanto
un lungo viaggio freddo
senza preghiere per i morti,

labbra bagnate di rugiada
non berranno il sogno dalle mani
di un cielo muto e lontano

Rebus Sic Stantibus

Timeo Danaos et dona ferentes

4000 Wu Otto

Drink the fuel!

quartopianosenzascensore

Dura tenersi gli amici, oggigiorno...

endorsum

X e il valore dell'incognita

Cucinando poesie

Per come fai il pane so qualcosa di te, per come non lo fai so molto di più. (Nahuél Ceró)

Nonsolocinema

Parliamo di emozioni

Solorecensioni

... ma senza prendersi troppo sul serio

Parola di Scrib

Parole dette, parole lette

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito