di me in pochi versi SILLOGE

.****************

La mia libertà ha il colore
del pane e del sale.

Ho visto i faggi alti
con la corteccia d’argento pallida.
Tutte le cose si sbriciolano, fra le loro radici.

.*****************

a meraviglia aperti
i tuoi occhi di vento

riflettono i colori
di zenzero e cannella
di menta e eucalipto
rubati sulla spiaggia di Tangeri.

.****************

tu solo puoi aggiungere
cio che desideri al mio tempo
e cancellare ciò che non vuoi

la mia storia scorre nelle tue mani
e straripa dal tuo palmo

amarti troppo è peccato?

.****************

Sei a cena, lo so
con amici, con estranei,
vorrei essere lì
e stringerti la mano sotto il tavolo,

da dolce pensiero
sei diventato dolore violento.

********************

non dire che il tuo amore
era un anello o un braccialetto,
il tuo amore era un assedio
era audace e testardo,

non era luce di luna
era esplosione di fuoco

.***********************

tramontano i riflessi del sole
su gialle acque
che come specchio prezioso
ne trattengono con gioia
gli ultimi battiti.

.

Rebus Sic Stantibus

Timeo Danaos et dona ferentes

4000 Wu Otto

Drink the fuel!

quartopianosenzascensore

Dura tenersi gli amici, oggigiorno...

endorsum

X e il valore dell'incognita

Cucinando poesie

Per come fai il pane so qualcosa di te, per come non lo fai so molto di più. (Nahuél Ceró)

Nonsolocinema

Parliamo di emozioni

Solorecensioni

... ma senza prendersi troppo sul serio

Parola di Scrib

Parole dette, parole lette

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito