Edgard Degas o del ballo

Edgar Degas
francese 1834 – 1917

sicuramente una delle figure piu’ importanti e prolifiche dell’Impressionismo, anche se si distense dagli altri impressionisti per molti motivi
primo e non poco importante fu il fatto di avere una famiglia agiata alle spalle che non condizionò il suo lavoro e gli permise di vivere “senza dover contare sulla sua pittura”
altro motivo di differenza non amava gli “esterni”, i paesaggi, preferiva dipingere interni con ballerine, donne al bagno, donne dalla modista, insomma percorse per molti versi gli interni del mondo delle donne di quel tempo
quando dipinse all’aria aperta, furono spesso corse di cavalli, benchè riconosciuto come uno dei grandi, fini la sua vita in assoluta solitudine e quasi cieco, smise di dipingere intorno al 1910, dedicandosi poi alla scultura che “sentiva” nelle mani.
era stato certamente un uomo colto, aveva compiuto studi classici e fu molto influenzato dal suo maestro Ingres, incontrerà anche Manet che lo spingerà alla definitiva scelta impressionista
credo che la sua ricerca si sia rivolta in particolare allo studio degli effetti della luce artificiale e i suoi quadri dedicati al mondo dello spettacoloce ne danno una piena dimostrazione forse anche le stampe giapponesi che amava collezionare influirono sul suo modo di dipingere
la famiglia è di condizioni agiate. Viene educato dal padre, che gli consente di dedicarsi al disegno e gli fa conoscere il mondo dell’arte.
Lasciata l’Università, inizia a frequentare lo studio di Barrias. Passa, quindi, alla scuola di Lamothe, un allievo di Ingres. Nel 1855 entra all’École des Beaux-Arts.
Nel 1856 Degas realizza il primo viaggio in Italia. Dopo un soggiorno romano, si trasferisce a Napoli, dove inizia a dipingere i due ritratti delle cugine Bellelli. L’anno successivo torna a Roma per frequentare l’Académie Française.
Nel 1858 Degas è a Firenze. Qui ha modo di conoscere i macchiaioli. Realizza alcuni studi per La famiglia Bellelli, grande tela che porterà a termine nel 1867. Nel corso del soggiorno italiano visita anche Viterbo, Orvieto, Perugia e Assisi. A colpirlo è soprattutto la pittura di Signorelli, Botticelli e Raffaello.
Nel 1859 torna a Parigi. È attratto dalle corse dei cavalli e dalla vita di teatro. Frequenta anche vari artisti, tra cui, dal 1862, Edouard Manet.
Nel 1865 espone al Salon e riceve i complimenti di Puvis de Chavannes. Trascorre parecchio tempo al Cafè Guerbois, luogo di incontro di numerosi giovani pittori e dei futuri impressionisti.
Nel 1870, scoppiata la guerra franco-prussiana, Degas si arruola in fanteria.
Nel 1872 parte per New Orleans, dove vivono i parenti della madre. Qui dipinge diverse tele, tra cui L’ufficio del cotone.

Di ritorno nuovamente a Parigi, nel 1873, riprende contatto con gli impressionisti. Con loro partecipa alla prima mostra impressionista nello studio del fotografo Nadar (1874).
Nel 1875 dipinge L’absinthe.


Nel 1876 e nel 1877 espone alla IIª e IIIª mostra impressionista, presentando dipinti di ballerine e nudi femminili. Nel 1878 dipinge il Ritratto di Diego Martelli. A partire dal 1880, dopo un viaggio in Spagna, inizia a dedicarsi anche all’incisione. partecipa anche alla mostra degli impressionisti del 1881, .

L’anno successivo si applica al tema delle donne dalla modista.
Nel 1883 muore il grande amico e maestro Manet. Degas si chiude in un profondo isolamento, motivato anche da crescenti disturbi alla vista.
Nel 1886 partecipa senza successo all’ultima mostra degli impressionisti. Tre anni più tardi visita la Spagna e il Marocco con Giovanni Boldini. Nel 1890 soggiorna in Borgogna, dove realizza alcuni pastelli.
Nel 1893 tiene la prima personale presso la galleria Durand-Ruel, dove presenta una serie di paesaggi. Quasi cieco, Degas si dedica principalmente alla scultura. Modella statuine di cavalli, ballerine, donne al bagno e che si asciugano. Nel contempo si accentua il suo interesse verso il collezionismo di opere d’arte. Raccoglie così opere di numerosi artisti, tra cui Ingres e Delacroix.
Nel 1905 dipinge Madame Alexis Rouart e i due figli, una delle ultime opere.
Edgar Degas muore a Parigi nel 1917.

questa serie di post sarà dedicata soprattutto al mondo del ballo tranne i primi dipinti che sono tappe importanti del suo modo di dipingere

Autore: Nonna Pitilla

Beh io sono una "donna, mamma, nonna", in pensione ormai da un po' di anni che ha amato e ama scrivere poesie e favole e cucinare e occuparsi di pittura o meglio di arte in generale. faccio molto volentieri la nonna di una bellissima bimba di 4 anni che è la mia vita, ma non ho abbandonato le mie passioni che volentieri condividerei con voi se volete. Il mio nome è Matilde, ma mia nipote mi chiama così nonna Pitilla... La Pitilla è un tipico pane salentino (lei non poteve saperlo), ma devo dire che mi rappresenta - anche se sono nata e ora vivo a Parma- amo la cucina in tutte le sue forme!

22 pensieri riguardo “Edgard Degas o del ballo”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Rebus Sic Stantibus

Timeo Danaos et dona ferentes

4000 Wu Otto

Drink the fuel!

quartopianosenzascensore

Dura tenersi gli amici, oggigiorno...

Paola Pioletti

L'ordine delle mie cose

endorsum

X e il valore dell'incognita

Cucinando poesie

Per come fai il pane so qualcosa di te, per come non lo fai so molto di più. (Nahuél Ceró)

Nonsolocinema

Parliamo di emozioni

Solorecensioni

... ma senza prendersi troppo sul serio

Parola di Scrib

Parole dette, parole lette

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: