Esisto ancora …😃

Sto bene, ma è un momento frenetico, abbiamo deciso di trasferirci definitivamente in campagna, e stiamo ristrutturando un po’ il tutto e non ho tempo neppure per pensare! Vogliamo finire prima dell’estate ed è una corsa !!

Vi abbraccio tutti e spero alla fine di giugno di tornare a leggervi e a scrivere che ne avrei anche bisogno!!!

era il 1989…

e un amico canadese mi regalo un programma di grafica che allora si chiamava CorelDRAW e che aveva una interfaccia davvero semplice e molto facile da usare, io usavo allora programmi di grafica più complessi e devo dire che trovai molto divertente questa soluzione, sopratutto per nanipolarele foto facendole diventare strane direi! ah ah ne ho conservate alcune di queste manipolazioni, sono tutte foto mie di fiori che diciamo sono state “paciugate”, ora non faccio più queste cose, ma allora mi ero proprio divertita!

le mie manie: le spezie

devo dire che in tutti i miei viaggi e spostameni di casa, ho sempre cercato di mangiare i cibi del posto, non ho mai cercato la pizza al Cairo o gli spaghetti a Dallas, perchè so che benchè quasi simili , mancao gli ingredienti con cui farli sul serio e devo dire che sono stata sempre colpita dal mercato delle spezie che io adoro sia come profumo, sia come gusto e che uso sempr. quelle che a casa mia non amncano mai sono senza dubbio il pepe bianco e nero e rosa, il cumino, lo zenzero, il cardamomo, il coriandolo, l’aneto, la curcuma, il ginepro, la noce moscata , la parica dolce e piccante, il sommaco, lo zafferano, la senape di tutti i tipi, la vaniglia, la cannella, poi ci sono quelle che utilizzo fresche e che coltivo alcune sul terrazzo altre nell’orto in campagna_aglio, alloro, basilico, cappero, cipolla, cerfoglio, dragoncello, ginepro, maggiorana, melissa, erba cipollina, finocchio, origano, prezzemolo, porro, rosmarino, alloro, salvia, santoreggia, scalogno, sedano, timo e poi ci sono le miscele di spezie che mi porto dai paesi dove sono stata o che cerco su internet perchè non sempre le trovo e sono: il baharat che mi porto dalla Giordania e che è davvero una bomba sulla carne e persino sul pesce ed è formato da pimento, pepe nero, chiodo di garofano, cannella, cardamomo, coriandolo, carvi, noce moscata, paprica, menta, lime essicato, zafferano e che deve essere dosata con cura per essere non troppo forte! il cajun , che è un ricordo di New Orlens e con la carne rossa e la selvaggina è favoloso: paprica dolce, cipolla, pepe di cajenna, aglio zenzero, pepe buanco, pepe nero,timo, origano e sale! poi io ho imparato a farmi in casa perchè prima tosto bene tutto e poi lo lavoro nel pestello il garam masala che è compoto da cannella, i semi di cumino, il coriandolo, i baccelli di cardamomo, i chiodi di garofano, i grani di pepe nero e la curcuma, e poi in casa faccio anche il zathar che è veramente una favola sulla pizza al posto dell’origano e sulle bistecche veloci in padella ed è composto da: timo, sesamo e sale, origano, cumino, semi di finocchio, santoreggia, maggiorana, sommacco. e dopo aver messo in un contenitore le varie spezie io con le mani sporche di olio buono di oliva sfrego bene le spezie diverse volte, si conserva per diverso tempo racchiuso in vasetti , poi mi fermo, ma ci mancherebbero tutte quelle molto particolari che sono molto rareda trovare , ma penso di avrvi già stancato ababstanza…. vi lascio alcune immagini dei miei mercati delle spezie ah ah